fbpx
 

Differenza tra rebranding e restyling 

da | Comunicazione, Identità visiva

“Rebranding” e “restyling” vengono spesso usati come sinonimi, ma il loro significato è molto diverso. Entrambi rispondono all’esigenza di un cambiamento del personal brand ma le motivazioni, così come il processo di realizzazione, seguono direzioni diverse.

Cos’è il rebranding

Il rebranding è un’azione di marketing che nasce dall’esigenza di una revisione profonda nell’identità del brand.

Quando può essere utile?

  • Se vuoi cambiare il tuo target di riferimento e attirare clienti diversi da quelli avuti finora.
  • Se cambiano totalmente i tuoi servizi e/o prodotti. Quando la tua offerta si trasforma completamente e cambia il mercato di riferimento, serve un vero e proprio rebranding. Pensiamo per esempio a un’artigiana che finora ha creato gioielli e, a un certo punto, decide di vendere corsi online che riguardano la cucina: qui il cambiamento è totale, un restyling non basterebbe.
  • Se vuoi riposizionare il tuo personal brand in maniera netta, con una nuova offerta di servizi o con un aumento dei prezzi molto evidente che ti inserirebbe in una diversa fascia di mercato.
  • Se ti sei resa conto di aver commesso vari errori di valutazione con il tuo business e vuoi aggiustare il tiro subito, prima di aver consolidato il brand.
  • Quando c’è un cambio di mission, vision e altri pilastri della tua attività.

Nelle grandi aziende il rebranding si usa anche per superare delle crisi di reputazione o in caso di acquisizione, ma sono motivazioni molto diverse rispetto a quelle dei freelance.

Quindi, cosa ottiene un freelance con il rebranding?

Diciamo che il rebranding aiuta a fare un cambio di direzione. Può agire modificando più elementi, se non tutti, ad esempio il nome, la mission e la vision, il pubblico a cui ci rivolgiamo o anche i servizi/prodotti che offriamo.

È un’azione molto delicata che deve essere fatta solo in alcuni casi e con un attento lavoro. Questo perché comporta un cambio di percezione del personal brand e, se non curato in modo attento e strategico, può disorientare il pubblico consolidato.

Cos’è il restyling

Il restyling, rispetto al rebranding, è un’azione di comunicazione più specifica

Il suo obiettivo è rinnovare l’identità visiva di un brand già esistente. Agendo su elementi già presenti, non trasforma completamente il personal brand, ma lo rende più moderno. Infatti, l’identità visiva, e in particolare il logo, può perdere efficacia nel tempo: è quindi importante rivedere questi elementi e adattarli ai nuovi obiettivi e alle nuove necessità comunicative.

Il restyling può essere utile se:

  • sei cresciuta professionalmente e la tua vecchia identità non ti rappresenta più;
  • è cambiata la tua offerta ma non il tuo target e il tuo posizionamento;
  • vuoi migliorare la tua comunicazione visiva ma la tua identità è ancora in linea con il tuo business.

Come scegliere tra rebranding e restyling

Intanto possiamo cominciare dicendo che rebranding e il restyling lavorano su due piani diversi e che il restyling può rientrare in un’azione di rebranding oppure essere fatto da solo.

Il rebranding è un lavoro necessario quando ci sono dei cambiamenti nella struttura del nostro business. Ci aiuta ad allineare nuovamente la comunicazione al nostro pubblico e ai nostri nuovi valori. É un’attività che ci aiuta a farci percepire correttamente dal nostro nuovo target. Possiamo dire che è sicuramente un cambiamento più radicale.

Il restyling agisce solamente su un aspetto (sicuramente importante) della comunicazione. Può rendere il personal brand più moderno e attuale sul mercato, portando anche un maggiore entusiasmo nel pubblico di riferimento. Un brand al passo con i tempi riesce a comunicare attenzione ai dettagli e alla soddisfazione del cliente, aumentando la percezione della sua qualità.

Il mio consiglio è quello di valutare un restyling ogni tot di anni: non ho un numero preciso da darti, dipende dalla storia e dagli obiettivi del tuo business, ma in generale può essere una buona strada per mantenere attuale la comunicazione. Certo non vuol dire cambiare spesso e solamente perché la nostra identità ci ha stancati: si sceglie il restyling per adeguarci alla crescita naturale del nostro business. 

Il tuo personal brand di cosa ha più bisogno in questo momento, di un cambiamento totale o di un restyling? 

Se non sai la strada giusta da percorrere contattami per fissare una call conoscitiva senza impegno, saprò consigliarti per il meglio. Posso aiutarti e guidarti nel caso tu abbia bisogno solamente di un restyling.

Leggi anche…

Benvenuta nel blog

La maggior parte del tempo libero mi piace leggere. In questo spazio condividerò con te articoli riguardanti la comunicazione visiva che è parte del mio lavoro, ma anche qualche curiosità sulla vita da freelance. 

Lavoriamo insieme