fbpx
 

Come posizionare al meglio il tuo personal brand

da | Comunicazione, Freelance, personal brand

Ogni brand risuona nella mente del consumatore tramite una serie di associazioni di idee. 

Prendiamo come esempio Mulino Bianco: l’emozione che mi arriva è subito il ricordo della famosa musica degli spot, che porta con sé la felicità delle piccole cose, come una buona colazione e i miei ricordi di infanzia. 

La strategia utilizzata da questo brand è cambiata leggermente negli ultimi anni, mettendo al centro della comunicazione le persone rispetto al prodotto, ma ciò che non cambia è l’emozione che evoca.

Ti sei mai chiesta come viene percepito il tuo personal brand? 

Se non definisci bene la strategia di posizionamento, può succedere che ogni potenziale cliente abbia una percezione diversa di chi sei e di cosa offri. Questo, nel pubblico, genera confusione e associazioni che lo guidano verso interpretazioni sbagliate.

Vediamo su quali aspetti puoi lavorare per posizionarti correttamente nella mente dei tuoi potenziali clienti:

  1. lo scopo del tuo brand;
  2. il bisogno che vuoi soddisfare nei consumatori;
  3. il target di riferimento e quali sono i suoi valori;
  4. la personalità del tuo brand;
  5. i benefici che apporta (emotivi, funzionali, sociali).

1. Qual è lo scopo del tuo personal brand?

Definire lo scopo del tuo brand, soprattutto nel caso dei personal brand,può essere utile per collegare gli obiettivi personali con quelli lavorativi

Cosa vuol dire? Sicuramente non si tratta di scrivere una frase ispirazionale nella bio di Instagram, o di utilizzare dei concetti che troviamo visti e rivisti online (come, ad esempio, “volere un’attività sostenibile”).

È necessario invece scavare a fondo dentro di sé, prendersi del tempo per creare qualcosa di realmente autentico. Qualcosa di legato ai tuoi valori. Non fare promesse che non puoi mantenere e non omologarti a quelle degli altri solo perché per loro hanno funzionato. I tuoi clienti sono persone, apprezzano la trasparenza e, se sarai onesta, riusciranno a essere più connessi a ciò che vuoi comunicare.

Per esempio, nel mio caso lo scopo è: aiutare le libere professioniste e le imprenditrici digitali ad avere un’immagine professionale e a utilizzare la comunicazione visiva al meglio.

Concretamente, come lo faccio? Concentrandomi sulla loro strategia, sul loro modo di lavorare e sulle loro unicità, ma stando al passo con i cambiamenti del tempo e con ciò che una presenza digitale richiede per essere sempre attuali. 

Qui dentro ci sono sia il mio obiettivo professionale (esplicito) che quello personale (fare squadra con altre professioniste perché credo nella loro crescita: implicito).

2. Quali bisogni del tuo pubblico vuoi soddisfare?

Una domanda davvero importante da farsi è: quale bisogno risolviamo?

Il cliente, quando acquista un nostro servizio, ha una necessità che dobbiamo riuscire a soddisfare.

Rifletti sulle sue motivazioni, sui suoi desideri: in questo modo ti avvicinerai alle reali esigenze del tuo target di riferimento. 

Una volta che hai lavorato su questo aspetto saprai come offrire un servizio realmente utile e soddisfacente.

3. Il tuo target e i suoi valori

Il target è un gruppo di persone potenzialmente essere interessate al servizio che offri, quindi con maggiori possibilità di acquistare rispetto ad altri gruppi di individui.

Se riusciamo a definire al meglio chi sono, dove sono e a cosa sono interessate, sarà più semplice creare una strategia efficace.

Le persone, quando interagiscono con un brand, soprattutto nel caso di personal brand, vogliono sentirsi “emotivamente coinvolte”: vogliono identificarsi. Definire dei valori chiari può aiutare queste persone a sentirsi in sintonia con te e a orientare la decisione di acquistare o meno un tuo servizio. 

Questi valori, però, non basta “annunciarli” nelle parole del tuo sito web o nei tuoi post su Instagram. Ciò che può essere realmente utile è concretizzarli in azioni reali

Ad esempio, se uno dei valori importanti per il tuo target è l’essere in qualche modo positivi, leggeri e allegri, va da sé che utilizzare la polemica come forma di comunicazione sui social non è il miglior modo per intercettare il giusto cliente.

4. La personalità e il tono di voce del tuo brand

La personalità è l’insieme delle caratteristiche umane che possiamo attribuire al nostro brand.

Definisci come il tuo personal brand si interfaccerà il pubblico dal punto di vista emotivo: come verrà percepito, quale tono di voce utilizzerà e come si relazionerà con il cliente.

Questi elementi, oltre ad essere utili dal punto di vista del marketing, sono fondamentali anche per la creazione della strategia di comunicazione visiva. Ad esempio, un personal brand con una personalità vivace e un tono di voce amichevole difficilmente sarà accompagnato da una palette colori dalle tonalità scure o che trasmettono valori completamente differenti.

5. I benefici del tuo personal brand

Ultimo, ma non per importanza, è il vantaggio che il tuo personal brand introduce nella vita del tuo pubblico e del cliente che acquista un tuo servizio/prodotto.

I benefici che puoi portare possono essere di diverso tipo: 

  • funzionali, come ad esempio un prodotto che ha il valore di essere una creazione artigianale, quindi unica e non di serie;
  • emozionali, che riguardano le sensazioni di un cliente: quando, ad esempio, ti senti meno stressata utilizzando un servizio che ti aiuta a gestire, delegando, una parte del lavoro;
  • sociali, come nel caso dei brand che legano all’esperienza di acquisto iniziative di sostenibilità.

C’è tanto da riflettere sui benefici che puoi fornire al tuo pubblico: può essere la base per la creazione dei tuoi servizi e prodotti. Partendo da ciò che emerge dalle tue riflessioni puoi ragionare su cosa rende diversa la tua offerta e sul perché dovrebbero sceglierti. In un mercato così saturo, lavorare in questa direzione ti aiuta a trovare il tuo posto e a offrire qualcosa di realmente valido. 

Spero che queste informazioni ti saranno utili per lavorare al tuo posizionamento e, se cerchi uno strumento che ti aiuti ad affrontare i vari nodi strategici, iscriviti alla newsletter: riceverai in regalo un workbook che ti accompagna nella costruzione delle basi del tuo brand. 

Leggi anche…

Benvenuta nel blog

La maggior parte del tempo libero mi piace leggere. In questo spazio condividerò con te articoli riguardanti la comunicazione visiva che è parte del mio lavoro, ma anche qualche curiosità sulla vita da freelance. 

Lavoriamo insieme